Introduzione

Le vertigini cervicali sono un tipo di vertigine che deriva, in parte, da una certa postura o movimento del collo.

Sebbene gli effetti della forza di gravità o l’inclinazione ed orientamento della testa siano fattori che influenzano l’insorgenza della vertigine cervicale, la stessa non è strettamente correlata alle due.

Che cos’è la vertigine cervicale?

La vertigine è una sensazione non specifica di alterazione dell’orientamento nello spazio e dello squilibrio che origina da un’attività anormale dal collo.

Le vertigini si verificano spesso a causa di un problema all’orecchio interno o di altre condizioni, che possono compromettere i sistemi di equilibrio del corpo. Quando parliamo in maniera specifica di vertigini cervicali ci riferiamo a problematiche del collo, spesso dovute a patologie cervicali.

I sintomi di vertigini compaiono anche dopo un evento scatenante, un trauma, in genere provocato da una rotazione o inclinazione improvvisa della testa come il colpo di frusta. Questa vertigine può durare da qualche minuto a qualche ora. Una persona con vertigini cervicali può anche manifestare sintomi come:

  • perdita di coordinazione
  • perdita di equilibrio
  • mal di testa
  • mal d’orecchio
  • ronzio nelle orecchie
  • nausea
  • vomito
  • difficoltà di concentrazione

Vertigini o Labirintite

La Labirintite ha sintomi simili a quello delle vertigini cervicali, ma è causata da un disturbo dell’orecchio interno. Diversi fattori possono causare questa condizione, tra cui infezioni e virus.

A differenza della vertigine si tratta di un evento acuto, che si risolve nel giro di giorni o settimane grazie al trattamento farmacologico.

Cause delle vertigini

Esistono diverse cause che portano alla vertigine cervicale, come un trauma al collo o una cattiva postura. Il trattamento prevede di affrontare eventuali problemi muscolari o medici di base e ci sono anche modi per aiutare a prevenire alcune forme di vertigine cervicale.

  • Lesioni traumatiche, come ad esempio un incidente automobilistico o altre cause legate al “colpo di frusta”.
  • Interventi chirurgici nella zona del collo possono anche causare una vertigine cervicale come complicazione.
  • Blocco delle arterie del collo da indurimento (aterosclerosi) o lacerazione di queste arterie, anche parziale (dissezione).
  • La spondiloartrosi (osteoartrosi delle articolazioni della colonna vertebrale) può essere un’altra potenziale causa correlata di vertigini. Questa condizione, l’artrosi cervicale, provoca l’usura delle vertebre e dei dischi della cervicale nel tempo, portando all’insorgenza di patologie più complicate come l’ernia cervicale

Nel tempo, la colonna cervicale può infiammarsi a causa di una prolungata postura errata quando si è seduti oppure alla continua inclinazione del collo verso il basso per guardare dispositivi elettronici, conosciuti come danni da Smartphone. Ciò può esercitare una pressione importante sulle strutture anatomiche del collo fino a influenzare i vasi arteriosi del collo e causare vertigini, mal di testa, dolore al collo, alle braccia come nel caso della cervico-brachialgia.

Le cause di vertigini possono essere diverse e il disturbo può essere causato da diverse strutture anatomiche.

Diagnosi Vertigine Cervicale

La diagnosi per questa patologia può essere difficile, quando le vertigini sono invalidanti è opportuno farsi visitare da un medico specialista, in particolare l’otorino, dovrà fare diagnosi differenziale.

Ulteriori test per confermare questa diagnosi possono includere:

  • Risonanza magnetica cervicale o encefalo
  • Angiografia o angio-RM
  • Doppler dei vasi del collo
  • Rx della cervicale

Trattamento delle vertigini

Il trattamento delle vertigini cervicali è strettamente legato alla causa e il fisioterapista, dopo un’attenta valutazione clinica, è il professionista sanitario in grado di trattare tutte le problematiche relative alle problematiche di natura neuro-muscoloscheletriche.

Un trattamento fisioterapico può includere diverse fasi terapeutiche:

  • Terapia manuale per il recupero delle restrizioni articolare delle vertebre cervicali, dell’ articolazione temporo mandibolare.
  • Terapia mio-fasciale per il trattamento dei muscoli e fascia che generano i disturbi.
  • Riabilitazione propriocettiva per il ripristino dell’equilibrio
  • Pompage per allentare la tensione delle strutture.
  • Esercizio o allenamento terapeutico.
  • Ginnastica posturale.
  • Trattamenti osteopatici.

I medici raccomandano anche la terapia con messi fisici:

  • Laserterapia per ridurre il dolore e l’infiammazione delle strutture coinvolte nel quadro clinico.
  • tecarterapia;
  • ipertermia;

possono ridurre i sintomi se utilizzate nelle giuste fasi terapeutiche, facendo attenzione alle fasi acute.

Per approfondire le vertigini cervicali leggi l’articolo completo su https://www.fisioterapiaitalia.com/blog/vertigini-cervicali/

    Richiesta di prenotazione online